Economia ed Artigianato

...

È da datarsi al dopoguerra la costruzione d'impianti atti alla trasformazione del legno. 

Questi ultimi, sfruttando i fitti boschi di ceni, faggi e abeti, limitrofi alla città, hanno dato vita all'industria del legno che è stata la prima fonte economica del paese.

Attualmente, segherie e commercio del legname si affiancano all'antico artigianato tipico dedito alla realizzazione di botti, tini e sedie.

È ancora presente e riscuote numerevoli consensi l'arte del ferro battuto, come non da meno è la lavorazione della ceramica e dei cesti, mentre una cooperativa ha ripreso l'antica cultura del ricamo, diffusissima un tempo tra le donne di Francavilla.

Oltre alla lavorazione del legno, la zona artigianale può vantare la presenza di prestigiose aziende che hanno industrializzato la produzione di manufatti per l'edilizia, infissi e meccanica.

Negli ultimi tempi si è sviluppata a Francavilla una certa economia dedita al commercio, rendendo la città un sicuro punto di riferimento anche per gli abitanti dei paesi limitrofi, intenti ad acquistare mercanzie di ogni genere: abbigliamento, abiti da sposa, arredamenti, automobili.

Molto importante è anche la produzione e lavorazione delle olive, infatti, è ancora possibile visitare alcuni antichi frantoi.ù

Proprio l'olio locale arricchisce un tipo di cucina fatta di sapori tradizionali mediterranei.

Così, dopo i tipici antipasti, caratterizzati da insaccati prodotti con la cura di un tempo, è possibile assaporare pasta fresca fatta in casa e ottima carne di capretto allevato nelle masserie, il tutto accompagnato dall'ottimo vino rosato locale.

I piatti tipici del luogo sono: la ciambotta (peperoni, melanzane, pomodori e cotica di maiale); zafaren ammaianet (peperoni rossi essiccati fritti con pastella di farina, uova); gliommarielli (interiora di capretto e agnello arrostiti); frittet co li sparij (frittata con asparagi e pezzi di salsiccia); brasciol d'scorz (braciole di cotica di maiale cotte nel sugo); lagane e fasul (tagliatelle con fagioli).